Passeriformi

Gran concerto sabato al Pudro: cantavano praticamente tutti, cincie, picchi, cornacchie, svassi e aironi. I canti erano talmente tanti e sovrapposti da far fatica ad identificarli.
Nonostante tra le canne vi siano ancora zone di lago coperte dal giaccio (in particolare l'intera superficie controllata dal punto di osservazione più ad est è ancora ghiacciata) sembra che la primavera sia esplosa in tutta la sua musicalità.
I più attivi da questo punto di vista erano i picchi muratori.
Altre immagini e descrizioni entrando nell'articolo.
I picchi muratori come detto sono molto attivi sia lungo il perimetro del lago che nella zona della torretta di osservazione ad ovest.



Alla torretta si può essere sorvolati da un picchio verde, sentire il martellante richiamo del picchio rosso maggiore ma soprattutto venire circondati da cinceallegre


o codibugnoli.



Nella zone ricoperta dal canneto più folto una cinciarella era intenta a massacrare di beccate una canna.
Era così distratta da permettermi di avvicinarmi allo scoperto sino a poco più di 4 metri di distanza.
Nella fotografia si possono vedere le piccole schegge strappate a suon di beccate.
Per finire non si può andar via dal pudro senza la fotografia di un airone cenerino. Si potrebbe definirlo il re del pudro, essendo sicuramente il volatile più grande ma forse anche l'animale più grande in termini assoluti a frequentare il posto. Anche quest'anno l'attività dei cenerini è febbrile nel riparare, sistemare, costruire o ricostruire i nidi. Più o meno nelle solite zone ne stanno approntando almeno quattro.


Post popolari in questo blog

Cormorano in difficoltà

CRETA - Cnosso

Lituania, il viaggio