CRETA - Cnosso


Non si può pensare ad un viaggio a Creta senza pensare di andare a visitare ciò che resta della gloriosa civiltà Minoica.

Troppe sono le leggende ed i racconti legati al Labirinto, al minotauro, al re Minosse, Dedalo ed Icaro per pensare di non fare una visitina al sito archeologico.

Entrando si capisce subito che, sebbene si parli di palazzo, di fatto si è di fronte ad un agglomerato urbano.
Le ricostruzioni che sono state aggiunte, sebbene criticate dai più, sono tuttavia un grande aiuto, un pilastro su cui la fantasia può appoggiarsi per poi correre ed immaginare quanto possente, importante, affascinante e impattante potesse essere questo palazzo: immaginare che cinquemila anni fa si costruisse in pietra un edificio su tre piani ha dell'incredibile!
Il ricollocamento all'interno delle strutture di copie degli affreschi originali che sotto il sole dell'isola andrebbero altrimenti danneggiati rapidamente, da un'idea dei colori accesi usati al tempo e giustifica le colonne rosse acceso che sono state usate per la ricostruzione di alcuni ambienti.


Qui non vi parlerò delle inforazioni che potete recuperare su un qualunque libro o enciclopedia quanto piuttosto di alcune regole pratiche per organizzare la visita.







Innanzitutto avrete due esigenze sicuramente contrastanti: la voglia di avere una guida che vi racconta la storia (le visite guidate durano circa due ore) e la voglia di vedere il palazzo senza troppe persone addosso.
Perché le due esigenze sono in antitesi? semplice perché, a meno che non vogliate sborsare ottanta euro per avere la guida solo per voi, se volete la guida dovrete aspettare che si formi un gruppo abbastanza numeroso di persone della vostra stessa lingua con cui condividere il costo della guida e questo vi impedirà di entrare la mattina presto con poca gente.
Il mio consiglio? Vi ricordo che siete su un'isola in mezzo al mar Mediterrano che, per latitudine, si trova più a sud di alcuni paesi africani! Vedere un sito archeologico fatto di pietre esposte al sole nelle ore più calde della giornata è pertanto sconsigliato, a meno che ovviamente non siate affini alle lucertole. Anche le fotografie, con l'eccesso di luce a disposizione e l'effetto specchio delle pietre, tendono a bruciarsi e per questo è meglio perdere il giro guidato e andare da soli, entrando subito (il sito è aperto alle visite già dalle 8 e 30 del mattino) in modo che, anche completando il giro con calma, già per le 11 si è completato il tour. 
Se poi invece che girare per Creta con il fai da te siete ospiti di una qualche struttura che vi ha organizzato il pullman, allora quanto detto sopra non vale: questi viaggi organizzati hanno la loro guida interna e non hanno bisogno di aspettarsi tra di loro per partire. Per questo state tranquilli: per quanto presto arriviate sul sito non riuscirete mai ad essere gli unici all'interno del palazzo. Arrivare dopo le dieci è comunque sconsigliato: già a metà giugno, periodo indicato come tranquillo da più di un operatore, le massa umana accalcata all'entrata è davvero ingombrante, non voglio nemmeno pensare come possano essere i mesi di punta di luglio ed agosto!


Se andate a Creta comunque ricordatevi che non potete tornare a casa senza essere andati a salutare il trono di re Minosse, la nostra storia di civiltà occidentale è nata lì!

Post popolari in questo blog

Cormorano in difficoltà

Escursione zona Ruioch

Lituania, il viaggio