avvistamenti interessanti, ma sempre poca luce

In questa estate con tante giornate uggiose gli avvistamenti interessanti al Pudro continuano.
Crescono bene i piccoli di folaga, la cui camminata sulle acque (senza decollo finale) è decisamente unica nel suo genere.
Anche i giovani svassi crescono bene ed il loro pigolare è sempre molto insistente.
Faccio fatica spesso a capire se quello che sento, oltre al pigolare degli svassi maggiori giovani, contiene anche il verso dei piro piro culbianco.
La loro presenza è infatti indubbia. Più di una volta, con volo particolarmente veloce, attraversano lo specchio d'acqua di fronte alla torretta.
Gli ho aspettati con pazienza nella parte più piccola del lago, appostato in cerca di una fotografia ravvicinata, ma la dea della fortuna non mi ha sorriso anzi, anche il tuffetto, che si stava avvicinando con interesse, si è accorto della mia presenza prima che io mi accorgessi della sua e, scomparendo sott'acqua, si è riportato velocemente al centro del lago.


Sparito il tuffetto, infilatosi prima tre le ninfeee e poi nel canneto sul lato più lontano e riparato del lago, torno a pensare ai piro piro.
La zona però non è propizia e stavo pensando di abbandonare l'appostamento quando è affiorato in superficie a poca distanza uno svasso maggiore adulto con la cena stretta nel becco aguzzo.


E' il solito svasso, ma è sempre meglio di niente.
Ora mi sposto per davvero e mi porto sulla torretta d'avvistamento nella parte più ampia del lago. Eccoli, i piropiro culbianco, sono almeno due e sono diretti sul piccolo riaffioramento che si vede bene sul lato sinistro, troppo lontano dalla torretta però per una fotografia anche solo decente.


Poi ecco il verso rauco dell'airone cenerino si leva dal centro del lago ed arrivano in volo. Preannunciati dal forte richiamo sembra proprio stiano litigando... infatti il primo che se ne sta andando via velocemente è un airone bianco inseguito da molto vicino da un cenerino.
L'airone bianco si allontana superando i limiti del lago, l'airone cenerino, dopo averlo scortato fuori dal suo spazio aereo, rientra con lenti battiti verso la vegetazione al centro del lago. 


 Per finire in bellezza ritorno sulla piattaforma d'avvistamento nella parte di lago coperta dalla vegetazione. Qui ci sono i soliti passeriformi che non riesco ad identificare. Usignoli di fiume ingrigiti da questa estate uggiosa? 


Anche per questo weekend le avvenure al Pudro finiscono qui.

Post popolari in questo blog

Cormorano in difficoltà

CRETA - Cnosso

Lituania, il viaggio