Lago di Bolsena

Con un'estate coperta come quella che ci ha perseguitati, tentare una fuga fuori provincia alla ricerca di un po' di sole era un'impresa più che doverosa, anche perché cominciavano ad ammuffirsi pure le ossa!
Diciamo subito che, nonostante i nuvoloni mi abbiano seguito fin al lago di Bolsena, qualche bel spiraglio di sole c'è stato. In particolare la serata particolarmente rinfrescata dal vento, trascorsa a Bolsena ha offerto delle buone possibilità fotografiche.
Le fotografie che seguono non sono poste in ordine cronologico ma in ordine alfabetico relativo all'animale interessato.
Nel grigio dell'ultima parte del pomeriggio i balestrucci fanno festa sopra alla superficie del lago sterminando miriadi di insetti (ne mangiano sempre troppo pochi per i miei gusti, viste le punture di zanzara con cui sistematicamente rientro dalle escursioni...).

Un raggio di sole molto intenso e radente nelle ultimo ore del giorno illumina alla perfezione questa folaga in prossimità del porto.

Sempre in prossimità del porto c'è un bel viavai di gabbiani. Molti sono i gabbiani comuni che riposano galleggiando sull'acqua per poi alzarsi in volo e riatterrare poco più in la.


Un gabbiano reale invece cammina fiero e tranquillo sulle sponde del lago godendosi l'inatteso raggio di sole.


Ma l'incontro più emozionante è stato senza dubbio quello con una garzetta solitaria: mai prima sono riuscito ad avvicinarne una così tanto.
Diciamo subito che l'animale era particolarmente diffidente ed un paio di volte si è involata andando così avanti e indietro lungo la spiaggia.




Non volevo romperle troppo le scatole e così ho deciso di desistere: nonostante la spiaggia fosse particolarmente frequentata infatti questa garzetta sembrava sopportare abbastanza bene i passanti vociferi e i pescatori e molto meno il mio obiettivo.
La sera dopo il tramonto però è stata lei a venirmi quasi a cercare: è atterrata davvero poco distante dall'albero dietro cui mi ero fermato un attimo ad ammirare il panorama e, complice forse il fatto che ormai la luce cominciava davvero a scarseggiare, non mi ha visto rimanendo in zona per un po'.



Ma forse non mi ha visto per un altro motivo. La sua attenzione infatti era rivolta ad un obiettivo ben preciso: un topolino nascosto evidentemente non troppo bene (almeno per la vista di una garzetta affamata) tra i sassi della costa. Un lampo dell'affilato e lungo becco e per il povero topino non c'è stato più niente da fare.



Prima di godersi la cena la garzetta ha provveduto a lavare ben bene il bocconcino allontanandosi dalla costa verso l'acqua più alta.

Su ogni lago non possono certo mancare i germani reali, fotografia sin troppo facile, ma questa femmina illuminata dal tramonto mentre sonnechiante cerca di addormentarsi ed è quasi infastidita dal repentino ritorno del sole tra le nuvole, era in una posizione che mi ha invogliato allo scatto.


Ultimo avvistamento, in ordina alfabetico, un piro piro piccolo, visto arrivare quando ormai il sole era belle che andato a dormire...



... offrendo un cielo infuocato, speranza per un giorno successivo di sole!!!

Post popolari in questo blog

Cormorano in difficoltà

CRETA - Cnosso

Lituania, il viaggio